Pubblicità

Anche la catena di caffetterie più celebre e diffusa al mondo non ha potuto resistere al fascino (e alle opportunità economiche) degli NFT. È stato annunciato in via ufficiale il progetto Starbucks Odissey, che farà il suo debutto entro l’anno. In cosa consisterà? Stando alle informazioni fin qui fornite, si tratterà di una sorta di mix tra una piattaforma per la distribuzione dei collezionabili digitali e un programma fedeltà in salsa blockchain.

Al momento gli interessati possono iscriversi a una lista d’attesa utile per conoscere ulteriori dettagli non appena saranno disponibili. Neanche a dirlo, il primo territorio interessato sarà quello degli Stati Uniti. L’introduzione dei Non-Fungible Token è descritta come un ampliamento del programma Rewards già operativo, ideato per puntare sul coinvolgimento dei clienti/membri anche attraverso attività come giochi interattivi e sfide organizzate ad hoc.

Una nuova esperienza che offrirà l’opportunità di guadagnare e acquistare collezionabili digitali (NFT) per sbloccare l’accesso a nuove esperienze di caffetteria.

I progetti di Starbucks inerenti a questo ambito erano stati ufficializzati nei mesi scorsi. Ora il gruppo ha dato un nome all’iniziativa e stabilito una tempistica per il lancio. Tra gli obiettivi dichiarati c’è anche quello di creare una vera e propria community Web3.

Starbucks ha sempre svolto la funzione di Third Place, un posto tra la casa e il lavoro in cui godersi il calore della connessione di fronte a un caffè, in comunità e con un senso di appartenenza. L’esperienza di Starbucks Odyssei estenderà la connessione al Third Place nel mondo digitale.

Sono ormai molte le piattaforma che permettono di acquistare e vendere NFT. Tra queste figurano anche i marketplace messi online da colossi del mondo legato alle criptovalute come Coinbase, Binance e Crypto.com. All’interno dei loro cataloghi si trovano asset di ogni tipo, caricati dagli artisti e proposti a chi desidera inserirli nelle sua collezione.