Pubblicità

Il caffè agisce sul cervello, e lo stimolo del sistema nervoso centrale produce una sensazione di “allerta” costante. Quando ne interrompiamo bruscamente il consumo è facile andare incontro ad astinenza da caffeina.
È una sindrome che causa sonnolenza, irritabilità, emicrania e tendenza alla depressione. Ecco alcuni rimedi che aiutano a combattere l’astinenza da caffeina e a ridurre il consumo di questa sostanza senza soffrire. Smettere di bere troppi caffè porta sicuramente diversi benefici nella nostra vita. Uno di questi è la perdita di peso, dal momento che le bevande a base di caffeina apportano calorie “vuote” e favoriscono la formazione di depositi di grasso.
Un altro vantaggio è la diminuzione del reflusso acido. L’acidità del caffè, infatti, è spesso collegata a mal di stomaco, indigestione e squilibrio della flora intestinale. Infine, possiamo ridurre lo stress. La caffeina, infatti, aumenta la presenza di catecolamine (ad esempio l’adrenalina), sostanze legate allo stress.

 

In breve, è meglio non esagerare con questa bevanda, anche se apparentemente ci fa stare bene.
Per ridurre il consumo di caffeina senza patire le conseguenze dell’astinenza, per prima cosa si consiglia di diminuire progressivamente del 25 % la quantità assunta. Così facendo, possiamo agire per gradi senza restare a secco.
In aggiunta, esistono alcuni rimedi di grande aiuto per superare la dipendenza da caffè. Vediamo quali sono:
1. Acqua di cocco: L’acqua di cocco è una bevanda nutriente e salutare. Contiene enzimi che aiutano a pulire l’organismo ed elettroliti che forniscono energia e nutrienti.
Aiuta a combattere la “lentezza” di corpo e mente, mantenendoci idratati ed energizzati e a superare l’affaticamento causato dall’assenza di caffeina.
Il consumo di acqua di cocco ha effetti simili a quello delle bevande sportive, ma provoca meno nausea e pesantezza di stomaco.
2. Bevande probiotiche: Favoriscono lo sviluppo della flora intestinale, migliorando la salute digestiva. Stimolano il sistema immunitario, lo smaltimento delle tossine e combattono i sintomi dell’astinenza da caffeina.
Aiutano a mantenere l’intestino libero dalle scorie. Due buoni esempi di bevande probiotiche sono lo yogurt e il latte di soia. In alternativa potete ricorrere agli integratori a base di probiotici che forniscono gli stessi benefici.
3. Tisana allo zenzero: Amata da molti per il sapore piccante e il profumo speziato, la tisana allo zenzero è un rimedio digestivo che agevola la scomposizione dei cibi. Uno dei benefici più noti dello zenzero è la capacità di regolare gli zuccheri nel sangue. Oltre a regolare il glucosio, mantiene svegli più a lungo.
Regolarizza, inoltre, il transito intestinale e previene la diarrea causata talvolta dalla caffeina. Combatte la perdita della memoria e migliora l’umore nel caso in cui sia alterato dall’astinenza da caffeina.

4. Tisana al mentastro verde: Sono molti i benefici associati al consumo di mentastro verde. Quando si soffre di astinenza da caffeina, una tisana preparata con le foglie di questa pianta aiuta a combattere la nausea, il mal di testa e il nervosismo.
Se bevuta in modo abituale, riduce la tensione muscolare inducendo uno stato di rilassamento; infonde calma quando siamo agitati. Soffrite per la mancanza di caffè? Sostituitelo con una tazza di mentastro vede.
5. Tisana alla camomilla
La camomilla, con il suo profumo unico e il sapore leggermente amarognolo, è ricca di proprietà salutari. Ha azione digestiva, carminativa, sedativa, tonificante e antispasmodica.
L’infuso di camomilla libera corpo e mente dallo stress e riduce l’ansia. Ecco perché è consigliata quando si deve combattere l’astinenza da caffeina e regolare i livelli di energia.