Pubblicità

Di Alberto Ardissone – Corso Gastronomo Fondazione ITS agroalimentare Piemonte.

Tutto ebbe inizio due secoli fa, intorno alla fine del 1700. Contrariamente alle dicerie popolari la pianta del caffè non è affatto originaria del Brasile, bensì dell’Etiopia, dove venne scoperta nel primo medioevo (anno 1000). Successivamente la pianta fu esportata nel 1300 e nel 1400 nelle vicine Arabia e Yemen. Solamente in questo periodo essa cominciò a diventare utile per la produzione della famosa bevanda: così agli albori del 1600 il caffè si diffuse in tutti gli stati arabi, in Egitto ed addirittura in Turchia. Sempre nello stesso periodo il caffè sbarca nei locali più in delle maggiori città europee (si inizia dalla Francia). Proprio agli scontri tra colonie francesi e olandesi nei territori americani si deve la nascita della coltura del caffè in Brasile. Come spesso accade nei film è l’imprevisto a far nascere nuove e straordinarie opportunità per l’uomo. Successe dunque che un generale francese, portò con sé nei territori d’oltreoceano una pianticella di caffè per produrne il prezioso frutto. A causa di una forte disputa territoriale però, i francesi dovettero scontrarsi con gli olandesi: venne proclamato arbitro dello scontro un funzionario brasiliano (che a quel tempo doveva essere di nazionalità portoghese). I funzionario brasiliano, evidentemente in ottimi rapporti con la moglie del generale olandese, si fece consegnare una pianticella di questo straordinario frutto (gli olandesi e i francesi monopolizzavano nei loro territori la produzione del caffè). Così la coltivazione cominciò a svilupparsi anche nelle terre brasiliane: già dopo cinquant’anni si espanse con dimensioni inimmaginabili. Nel corso del 1800 però la fortuna del caffè andò pian piano scemando, negli anni trenta ci furono innumerevoli crisi finanziarie per la sovrapproduzione.

 

 

Mercato di riferimento

La caffeicoltura in Brasile è direttamente responsabile di circa 1/3 della produzione mondiale di caffè, rendendo in tal modo il paese di gran lunga il maggiore produttore globale; una posizione questa che ha continuato a mantenere da più di 150 anni. Nel 2010 ha rappresentato il 36,14% della produzione globale, in accordo con i dati dell’International Coffee Organization. Nel 2012 sono stati raggiunti e superati i 50 milioni di sacchi per un totale realizzato di 3 milioni di tonnellate.

 

Export

Non esiste tassazione sulle esportazioni di caffè dal Brasile, mentre l’importazione di caffè verde e tostato viene tassato del 10% e quella del caffè solubile del 16%; il caffè non elaborato può essere esportato senza dazio nei tre mercati più grandi: gli Stati Uniti d’America, l’Unione europea e il Giappone.
Il caffè trasformato come i chicchi tostati, il caffè istantaneo e il caffè decaffeinato viene tassato al 7,5% nell’UE. Le esportazioni verso gli Stati Uniti sono invece del tutto prive di tariffe.

 

 

Materie prime

Nel 2011 il Brasile è stato il leader mondiale nella produzione di caffè verde, seguita da Vietnam , Indonesia e Colombia . Il paese non ha rivali nella produzione totale di caffè verde, caffè arabica e caffè istantaneo. Nel 2011, la produzione totale è stato di 2,7 milioni di tonnellate , più del doppio della quantità di Vietnam, il secondo più grande produttore. Circa 3,5 milioni di persone sono coinvolte nel settore, per lo più nelle zone rurali.
Le piantagioni si trovano principalmente nel sud-est stati di Minas Gerais , São Paulo e Paraná dove l’ambiente e clima forniscono le condizioni ideali di crescita. Minas Gerais da solo rappresenta circa la metà della produzione del paese. La maggior parte delle piantagioni sono raccolte nelle stagioni secche di giugno a settembre, di solito in un enorme raccolto annuale, quando la maggior parte delle bacche sono mature. Nella maggior parte dei paesi, chicchi di Arabica vengono elaborati utilizzando il processo a umido (chiamato anche caffè lavato ), ma praticamente tutto il caffè in Brasile sono trattati con il procedimento a secco (chiamato anche lavati o caffè naturale).

 

Industria di trasformazione

L’industria di trasformazione è divisa in due gruppi distinti, terra / caffè torrefatto e caffè solubile . Il mercato del caffè torrefatto macinato è altamente competitivo e aveva più di 1000 aziende nel 2001. Al contrario, il mercato del caffè istantaneo è altamente concentrato con quattro grandi aziende che rappresentano il 75% del mercato. Il Brasile è il più grande esportatore al mondo di caffè solubile, con il caffè solubile che costituiscono il 10-20% del totale delle esportazioni di caffè. Entrambi i tipi di caffè sono principalmente esportati verso gli Stati Uniti, il più grande consumatore caffè del mondo.